Futuri studenti

Il corso di laurea in Scienze dell’Amministrazione e delle Relazioni Internazionali è stato istituito nel 2017, sulla base di un progetto condiviso dai Dipartimenti di “Diritto Pubblico”, “Diritto Privato”, “Economia e Finanza”, “Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società” e “Studi Letterari, Filosofici e Storia dell’Arte” dell’Università di Roma “Tor Vergata”.
La sede amministrativa è il Dipartimento di Diritto Pubblico; la sede dell’attività didattica è la Macroarea di Giurisprudenza.

Il Corso offre una didattica interdisciplinare, articolata su tre anni. L’accesso è libero; è tuttavia richiesta la partecipazione ad un test di orientamento, utile per verificare il possesso di requisiti culturali di base e la correttezza della scelta dello studente.

Le attività didattiche sono programmate nel rispetto della classe di appartenenza L-36 (Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali), valorizzando le sollecitazioni ricevute dai numerosi rappresentanti delle amministrazioni italiana e internazionale e dell’impresa, nel corso di una ampia consultazione con le parti sociali che ha preceduto la progettazione del corso. Sono state altresì tenute in considerazione le principali tendenze dell’insegnamento delle scienze politiche e sociali nelle più prestigiose Università internazionali e le tematiche emergenti nella scena globale.

L’attività didattica è organizzata sulla base della compenetrazione tra insegnamenti tradizionali e attività pratiche, in cui gli studenti sono protagonisti e vengono invitati ad affinare le loro competenze trasversali.

Nel corso del terzo anno lo studente, raggiunta maggiore consapevolezza sulla propria vocazione, opta per un percorso di specializzazione (curriculum) tra i tre proposti dall’ordinamento didattico: giuridico, economico, storico-politico.

Al termine degli esami di profitto, lo studente prepara e discute una tesi. All’esito dell’esame di laurea, consegue il diploma di laurea triennale in Scienze dell’Amministrazione e delle Relazioni Internazionali.

Il laureato in Scienze dell’Amministrazione e delle Relazioni Internazionali è in grado di orientarsi tra l’immediato inserimento nel mondo del lavoro e la prosecuzione degli studi in corsi di laurea magistrale e Master di primo livello, in Italia e all’estero, nelle scienze economiche e aziendali, letterarie, storiche e politiche; inoltre, è possibile proseguire gli studi all’interno del corso di laurea a ciclo unico in Giurisprudenza, grazie al riconoscimento degli esami.

Il corso, caratterizzato da notevole flessibilità, è particolarmente indicato per le carriere nel settore delle istituzioni politiche nazionali e internazionali, dei partiti politici e delle associazioni sindacali e del terzo settore, della cooperazione internazionale, della pubblica amministrazione locale, nazionale e internazionale, delle organizzazioni internazionali, della diplomazia, del giornalismo e dei media, dei centri di ricerca e analisi sociale ed economica, dell’amministrazione delle aziende su scala nazionale e sovranazionale.